Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

    Nel 1981, nella località Monte d'Elia, sita a poche centinaia di metri a sud dell'abitato moderno, nel corso di lavori agricoli, venne rinvenuto un piccolo gruppo di tombe, che furono esplorate dalla Soprintendenza Archeologica. La improvvida esecuzione di lavori di sbancamento nelle immediate adiacenze del nucleo di necropoli già indagato portò alla luce altre tombe, che vennero, purtroppo, in parte sconvolte dal mezzo meccanico. Seguì un ulteriore intervento di scavo, da parte della Soprintendenza, che portò a 37 il numero delle tombe individuate ed esplorate (DE JULIIS 1982, pp. 303-304).
Successive campagne di scavo, condotte sino al 1985, portarono all'individuazione di numerose altre tombe, consentendo altresì di verificare i limiti dell'area di necropoli in direzione est ed ovest.
I corredi recuperati coprono il periodo dal VI al II secolo a.C., con una interessante continuità di uso anche successivamente alla conquista romana.
I tipi delle sepolture comprendono tombe a fossa terragna, di età arcaica, e a cassa di lastroni o a sarcofago a partire dal V - IV secolo a.C.
Numerose anche le iscrizioni funerarie rinvenute, in genere incise sulla faccia interna di uno dei lastroni laterali della cassa.
Di notevole interesse, infine, il rinvenimento di cippi funerari, alcuni dei quali resi noti, ma sulla base di dati non in tutto attendibili.

Vai all'inizio della pagina